Le ferite del paesaggio

Andare in basso

La webcam

Messaggio  Cizzart il Lun Mar 23, 2009 2:33 pm

La posizione della webcam nonè molto felice, sarebbe stato più bello in Piazza Martiri d'Ungheria o Piazza della Repubblica (nei pressi del comune) ma del resto la scuola è informatizzata...
avatar
Cizzart

Messaggi : 86
Data d'iscrizione : 07.04.08
Età : 40

Visualizza il profilo http://www.cizzart.it

Torna in alto Andare in basso

Re: Le ferite del paesaggio

Messaggio  oile il Sab Mar 21, 2009 4:28 pm

....ed io,purtroppo,mi devo accontentare della webcam della scuola per vedere il panorama innevato... Cool

oile

Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 29.01.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

La neve

Messaggio  Cizzart il Sab Mar 21, 2009 1:52 pm

Ieri sera con mio fratello verso le 22 siamo usciti a piedi ma c'era ancora un po' di neve sospinta dal vento ma quando sono rientrato verso casa, era increbibile la limpidezza dell'aria, la luce dei lampioni che moltiplicava la loro luce grazie anche all'aria pulita. Facevo pensieri da pittore impressionista, affascinato dai riflessi di luce dei lampioni sulla neve Smile
Ho visto anche io le auto sulla piazzetta della Repubblica, meno male che il centro storico non è accessibile, altrimenti si sarebbero infilati dentro al locale pur di non prendere freddo...troppa comodità...cosi bello il freddo secco, salutare e puro.
Ma credo che queste cose nno si pensano più, si vuole il caldo, portatore di malanni e virus peggiri di quelli invernali!
avatar
Cizzart

Messaggi : 86
Data d'iscrizione : 07.04.08
Età : 40

Visualizza il profilo http://www.cizzart.it

Torna in alto Andare in basso

nevicata del 21 marzo

Messaggio  admin il Sab Mar 21, 2009 10:36 am

Ieri sera sono andato lungo le strade innevate.
Erano le 23 circa e in giro il solito carosello di auto nel percorso piazza - liceo.
Credevo di incontrare qualcuno quando mi sono inoltrato per i vicoli da via Tozzoli: la piazza era gremita di auto, e due avevano pensato bene di salire proprio sull'isola centrale (solita inguaribile tamarraggine), giusto per farsi notare un pò...
Per i vicoli non c'era anima viva, tutti a cena nei locali di via Berrilli, attenti a non prender freddo.
Lì per lì la cosa mi ha tristemente sorpreso, ricordando che fino a pochi anni fa a piedi c'erano tanti ragazzi ad accogliere la neve. Poi, però, più mi inoltravo per le vie buie, più mi sentivo bene.
Ma evidentemente, pochi ancora apprezzano la magia di uno sguardo libero, di notte, mentre una neve soffice continua a cadere.
avatar
admin
Admin

Messaggi : 114
Data d'iscrizione : 15.01.08
Età : 39
Località : Calitri

Visualizza il profilo http://www.itacamedia.it

Torna in alto Andare in basso

Le ferite del paesaggio

Messaggio  Cizzart il Mer Mar 18, 2009 8:55 pm

Tutti i gironi vado e torno da lavoro ed essendo un amante della natura, osservo sempre come cambia la natura nel corso delle stagioni. Ora sto osservando come pian piano, la natura, sta rimarginando la ferita che l'uomo le ha inferto con l'ultimo incedio a Gagliano. Il verde della primavera sta lentamente ritornando a dispetto dell'uomo!!
avatar
Cizzart

Messaggi : 86
Data d'iscrizione : 07.04.08
Età : 40

Visualizza il profilo http://www.cizzart.it

Torna in alto Andare in basso

Re: Le ferite del paesaggio

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum